TROVA IL TUO EQUILIBRIO

Una volta intrapreso il tuo percorso dovrai affrontare dei cambiamenti che potranno essere più o meno grandi a seconda di come sei tu e di com’è la tua situazione. Questo comporta che il tuo equilibrio mentale, fisico ed emotivo subirà non poche variazioni, cioè? Beh la tua routine cambierà e con essa anche tu e la tua stabilità interiore, (premetto che io non sono una psicologa e ciò di cui parlo è solo frutto delle mie esperienze e di ciò che io credo possa essere un buon suggerimento per gli altri come lo è stato per me), quindi avrai bisogno di ritrovare pian pianino il tuo equilibrio che è stato modificato o stravolto. Come lo si può fare in pratica? Come sempre cerco di portarti qualche esempio personale. Io amo il sole, credo di aver sviluppato un vero e proprio amore platonico nei suoi confronti e ogni volta che lo vedo splendere nel cielo tutto ciò che di brutto mi può star capitando, in quel momento è come se svanisse. Quindi cosa ho fatto? Ho continuato a sfruttare questa mia piccola arma segreta per quegli istanti in cui pensavo tutto stesse andando a rotoli o l’avrebbe fatto di lì a poco. Quando vedevo il sole mi mettevo a “guardarlo” osservando come illuminava tutto ciò su cui si posava. Sentivo questo caldo abbraccio avvolgermi e scottarmi il volto come se mi stesse facendo una carezza. È una cosa che ho sempre fatto e faccio tutt’ora e nei momenti bui noto quanto mi aiuti a cambiare drasticamente il mio umore. Inoltre ho scoperto quanto, mentre sto dipingendo o dopo aver finito, mi piaccia sporcarmi le mani di colori e poi sfregarle come se le stessi lavando col sapone, in questo modo tutti i colori che ho sulla pelle si mescolano e me la ritrovo coperta da sfumature nuove. Tutte le volte questo mi crea una serenità incredibile e mi fa sfoggiare un sorriso a 32 denti da un orecchio all’altro. Ce ne sarebbero tantissime altre di cose che faccio per sentirmi bene e ritrovare il mio equilibrio interiore, ma intanto ti ho voluto menzionare queste due. Come vedi io non ho una routine piena di passaggi specifici da seguire ogni giorno, ma ciò che so mi può essere di grande aiuto quando non mi sento bene, seppur banale possa sembrare, è esattamente quello che faccio. L’importante è che faccia bene a ME. TU trova qualcosa che aiuti TE. Ogni piccolo gesto può contribuire a rimettere in piedi il nostro equilibrio interno che è andato in frantumi o ha vacillato. Non sottovalutare mai nessun segnale. Detto questo, cerca di allineare il tuo cuore con la tua mente; spesso questi due elementi fondamentali non vanno d’accordo. Capita, infatti, che ci siano circostanze che ti portano a pensare qualcosa ma a provare dell’altro. In questi casi fermati, medita e cerca di capire come far arrivare ad un compromesso i tuoi sentimenti con i tuoi ragionamenti. “Quale decisione mi farebbe stare davvero bene?” “E se poi avesse delle conseguenze?” “Forse è un azzardo!” Ahhh quanti dubbi!!! Ed è normalissimo che imperversino dentro di te, ma non lasciare che ti schiaccino e ti blocchino dall’agire! Se è necessario prendi una pausa, vai a fare una passeggiata, PIANGI. Non avere paura del pianto, aiuta tantissimo. Aspetta di trovare un momento di calma, in cui puoi stare con qualcuno che ti tranquillizzi, o anche senza nessuno ma in un ambiente di comfort dove non ti senti spaventat*. La soluzione arriva sempre, spesso quando meno te lo aspetti. E quando arriva stai pur cert* che il tuo cuore e la tua mente saranno allineati e tu sarai in pace. Crea, per quanto puoi, le circostanze ideali per farti stare bene.

È un argomento complicato e non so quanto sono brava ad esprimermi per farmi capire, ma spero comunque che dopo aver letto questo articolo tu ti senta meglio e promettimi che farai di tutto per essere felice.

Ti lascio un piccolo compito: CREA la tua serenità.

SPLENDI ❤️

ARMATI DI CORAGGIO

Coraggio? Per cosa? Beh per cambiare. Qualunque cambiamento, piccolo o grande che sia, richiede una certa dose di coraggio. Come ti spiegavo nello scorso articolo da un anno a questa parte ho cambiato completamente vita mettendo in dubbio tutto ciò in cui credevo e buttando all’aria la mia quotidianità. Sapevo i rischi a cui stavo andando in contro, ma come spesso accade, la teoria è ben lontana dalla pratica. Mi sono ritrovata sola perché le persone che conoscevo e a cui volevo bene non c’erano più e ho perso il sostegno dei miei genitori. Ero terrorizzata e, anche se alla fine ho deciso di continuare per la mia strada, all’inizio non ero completamente convinta e ho provato a tornare indietro. Mi sono sentita come se stessi scalando un vulcano in eruzione: mission impossible. Comunque sono convinta che, in un modo o nell’altro, anche se ciò che sentiamo di voler fare ci spaventa da morire e vorremmo tornare sui nostri passi, il nostro cuore e la nostra mente prima o poi ci spingano proprio su quel percorso impervio che temiamo di affrontare. Si, credo che quando vogliamo davvero qualcosa prima o poi lo otteniamo perché la forza di volontà che scaturisce da dentro di noi non ci farà procrastinare oltre il tempo necessario. Sono certa che il mio cambiamento sia arrivato al momento giusto per ME, sebbene all’inizio non me ne rendessi conto (o non volessi farlo). Detto questo, una volta che la forza di volontà ha fatto il suo dovere, tocca a noi agire e spaccare tutti i muri che ci troviamo davanti. Cosa ha comportato nel mio caso? Come ho scritto sopra, la perdita di tutti gli amici, la mancanza di sostegno da parte dei miei genitori, la paura dell’ignoto, la mancanza (all’epoca) di completa fiducia verso l’unica persona che mi rimaneva (e che era tra l’altro quella famosa gocciolina sul vaso per cui avevo deciso di mollare tutto; il mio ragazzo). Avevo paura che mi si sarebbe sbriciolato ogni minimo barlume di luce in un baleno. Mi ci è voluto coraggio? Direi anche troppo, ancora non mi capacito di ciò che sono riuscita a fare; sono molto orgogliosa di me. Tra pianti e, a volte, mezzi ripensamenti sono andata avanti. Tutt’ora non è facile e non lo sarà mai del tutto credo, ma il fatto che sto facendo quello che volevo da una vita e che ho trovato il coraggio per buttarmi a capofitto nel buio è una grandissima soddisfazione. Ora la domanda è, ok il cuore e la mente con la forza di volontà fanno il loro sporco lavoro nell’incoraggiarti a muovere le gambine ma, come si trova in pratica il coraggio di cambiare? Chiedendosi il perché. Chiediti come mai hai deciso di intraprendere una determinata direzione:

– quello che sto facendo mi renderà felice?

– Sarò soddisfatt* del mio percorso una volta che ne vedrò i risultati?

– Sono cert* del fatto che comunque andranno le cose non me ne pentirò?

Sembra banale, ma soffermarsi sul perché si sta facendo qualcosa è ottimo per capire se si hanno delle basi solide da cui partire; se il tuo motivo non è abbastanza forte, non lo sarai neanche tu quando ci saranno da superare ostacoli. Ovviamente è impossibile prevedere il futuro e le cose potrebbero cambiare da un momento all’altro, però se stili un elenco dei “perché?” e trovi le risposte, partirai con una marcia in più. Una volta fatto il grande passo devi essere pront* a correre tutti i rischi che ciò comporta. Quindi un’altra cosa da fare prima è avere un’idea reale e sincera delle conseguenze a cui potresti andare in contro/ quelle che dovrai affrontare sicuramente. Tieni conto, come ho scritto prima, che la teoria è spesso molto lontana dalla pratica perciò mettiti anche nell’ordine delle idee che non andrà tutto come avevi immaginato e dovrai essere in grado di non spaventarti se le tue paure diventeranno realtà.

Non sarà facile, ma credi in te stesso: ce la farai.

Ti lascio come sempre con un piccolo compitino: trova il tuo perché.

SPLENDI ❤️

ASCOLTATI

Una volta che hai capito come creare un dialogo interiore, ed hai iniziato a farlo regolarmente, arriva il momento di prendere in considerazione le conversazioni che avvengono dentro di te.

Ascoltati. Potresti scoprire di essere uno spirito libero, avere una mente incasinata o voler semplicemente sognare ad occhi aperti. Presta attenzione a TUTTO ciò che viene rivelato dai tuoi dialoghi mentali: dai più piccoli e sfuggenti pensieri alle più grandi idee. Ogni cosa che attraversa la tua mente e il tuo cuore è degna di essere presa seriamente. Niente di ciò che provi o pensi è troppo insignificante per spenderci almeno dieci minuti di riflessione. Quello che fa parte di te, proveniente in questo caso dal tuo io interiore, potrebbe essere la famosa chiave di svolta che ti serve per trovare la felicità. Ma cosa implica questo in pratica? Come sai mi piace sempre portati la mia esperienza, perciò anche oggi ti racconto brevemente cosa ha significato per me ascoltarmi. Ho sempre avuto (come credo chiunque) un cervello in fervente attività e quindi penso, ripenso e rimugino le cose mille volte. Le modifico, penso ad eventuali scenari diversi e costruisco castelli infiniti. Col passare del tempo ho capito quanto questo desse spiegazione del mio carattere e della mia personalità; mi sono resa davvero conto di essere uno spirito libero e di voler vivere come tale. Molte cose che pensavo e provavo erano in netto contrasto col mio passato stile di vita e per questo le soffocavo in un angolo facendo finta che non esistessero. (Più avanti ti parlerò anche del mio passato, tranquill* nulla di cui preoccuparsi 😜, per ora mi limito a spiegarti come ha influito sulle mie scelte). C’erano troppe regole per un’animo come il mio, eppure credimi se ti dico che mi ritenevo felice nel rispettarle perché ero davvero convinta di cosa stavo facendo. Dentro di me, però, sapevo che qualcosa si muoveva in senso contrario alla corrente che seguivo; piccoli gesti e atteggiamenti, modi di pensare, desideri e cose di questo genere. Mi conoscevo già bene, ma non ero ancora pronta ad ascoltarmi sotto ogni punto di vista. Perché? Primo, come ho detto prima, ero felice di come stavo vivendo perciò non vedevo motivi per cambiare quello stato e secondo perché sapevo che rischi avrei corso se mi fossi assecondata. Alla fine, comunque, circa un anno fa è arrivata la svolta, la classica gocciolina che fa traboccare il vaso. Ho deciso di seguire il corso di questa gocciolina e vedere come avrebbe continuato a far straripare l’acqua dai bordi e questo mi ha portato dove sono ora. Ho semplicemente lasciato andare le cose in modo naturale; quello che avrebbe dovuto succedere sarebbe successo. È stato facile? No zero, e tutt’ora non lo è. Ho stravolto completamente la mia vita e tutto ciò in cui credevo è stato messo in discussione. Ho corso il rischio e mi ci è voluta una grossa dose di coraggio, ma ne sono fiera; ho avuto ancora una volta la prova che posso raggiungere tutto ciò che voglio. Sono felice perché sto facendo quello che è necessario per realizzare i miei obiettivi.

Quindi ricapitoliamo: prendi in considerazione attentamente tutto ciò che ti passa per la testa. Quello che provi e senti non è mai da sottovalutare.

Nel prossimo articolo ti parlerò del “correre il rischio” e “avere coraggio” per affrontare i cambiamenti. Nel frattempo, come sempre, ti do un piccolo ma davvero fondamentale compito: Ascoltati.

SPLENDI ❤️

APPREZZA LA SOLITUDINE

Sentirsi soli non piace a nessuno e questo è più che ovvio, comunque cerca di imparare quanto è preziosa, se usata bene, la solitudine. Passare del tempo da soli permette di acquisire ed accrescere competenze personali fondamentali come l’indipendenza. Perché? Se ti prendi del tempo per stare in tua compagnia ti renderai conto di quanto sei forte; ci vuole forza e motivazione mentale per riuscire a non avere necessariamente bisogno degli altri. Sarai in grado di essere felice nonostante la mancanza di qualcuno intorno. Ti porto brevemente la mia esperienza. Come ho scritto anche nello scorso articolo, essendo figlia unica ho avuto modo di passare molto tempo da sola. Da bambina a volte soffrivo per questo, ma più il tempo passava più mi rendevo conto di quanto in realtà fossi libera. Avevo i miei spazi, il mio mondo, il mio nido, il mio piccolo posto sicuro in cui rifugiarmi senza che nessuno entrasse. Crescendo ho costruito un “muro di difesa” quasi impossibile da scalfire. Mi reputo una persona solare e abbastanza estroversa, quindi la solitudine non ha intaccato i miei rapporti interpersonali. Mi ha però permesso di imparare a capire che io per me ci sarò sempre, non mi lascerò mai e avrò sempre il mio sostegno. Sembra quasi stupido da dire, eppure è proprio così: noi siamo la persona con la quale dovremo stare insieme per tutta la vita. Io non potrò mai separarmi da me, né tu da te. Ciò non vale di certo per le persone che ci circondano: molti entrano nella nostra vita e altrettanti se ne escono. Quanti rimangono? Non è realistico basare la propria felicità sulla presenza di altri, altrimenti ne saremmo sempre dipendenti! La solitudine, quindi, inevitabilmente insegna ad avere una profonda autostima; se ora sai passare del tempo da sol*, sarai poi anche in grado di fare progetti, avere sogni e ambizioni e saprai come raggiungerli anche se le persone presenti nella tua vita non ti sosterranno. Esatto, non tutti, anche se ti sembrano le persone migliori sulla terra, saranno pronti a darti man forte quando dirai loro cosa vuoi ottenere, perciò sei tu ad avere il maggior compito nel farti il tifo. Capirai che puoi ottenere tutto ciò che ti prefissi perché TU sei il più grande fan di te stesso. Nel mio percorso di crescita mentale ed emotiva, da un anno a questa parte, non ho avuto sostenitori a parte il mio ragazzo. Come ho trovato quindi la forza di andare avanti nonostante non ci fosse nessuno ad incoraggiarmi? Ho continuato a concentrarmi su me stessa, sul fatto che mi voglio bene, mi amo e la mia felicità ha la precedenza su ogni cosa. Ogni giorno proseguo per la mia strada perché so che porterà a sentirmi soddisfatta e già vedo quanto mi rende felice. Non avrei mai potuto farlo se non avessi imparato ad apprezzare la solitudine, i momenti bui che ho avuto e i pianti che ho fatto. Quindi, ti prego, apprezza i momenti che hai per stare sol* coi tuoi pensieri e le tue idee e sfruttali appieno. Smetti di essere dipendente dagli altri e inizia a farti il tifo.


Se ti va, dimmi cosa pensi di quello che hai letto lasciandomi un commento. Nel frattempo ti auguro di passare una stupenda giornata e ti do un piccolo ma importante “compito per casa”: passa del tempo in TUA compagnia.

SPLENDI ❤️

CREA UN DIALOGO CON TE STESSO

Ciao! Questo è il mio primo articolo sul blog, spero che possa piacerti e trovarlo utile. Oggi vorrei parlarti di quanto importante e basilare sia, a mio avviso, creare un dialogo con sé stessi. Partiamo dal presupposto che tutti ambiamo ad essere felici e soddisfatti e per farlo vogliamo realizzare i nostri sogni e progetti nel miglior modo possibile. Ma come facciamo a sapere ciò di cui abbiamo davvero bisogno e che ci renderebbe contenti? Semplice: dobbiamo conoscerci, e non c’è modo migliore di farlo se non passare del tempo da soli. Ti porto brevemente la mia esperienza: io sono figlia unica e in quanto tale ho avuto modo di passare davvero tanto tempo con me stessa. Questo ha fatto in modo che crescesse in me, senza neanche rendermene conto, il bisogno di parlare da sola di qualunque cosa. Tutt’ora capita frequentemente di immaginarmi situazioni e spesso anche litigi (ammetto di avere un caratterino tosto) in cui sono presenti un sacco di persone. In queste scene io interpreto sia il mio che il loro ruolo. Sarà sicuramente anche un fattore psicologico di un mio personale bisogno di esser circondata da persone, ma io sono convinta che sia anche un ottimo modo per conoscersi. Sì, perché quando siamo soli diciamo davvero ciò che vogliamo; esprimiamo qualunque pensiero, desiderio, paura o intenzione che sappiamo non diremmo mai in presenza di altri. Quindi quale metodo migliore c’è per conoscere davvero sé stessi se non parlare da soli nel proprio posto sicuro?


Se ti va, dimmi cosa ne pensi lasciando un commento. Io intanto ti auguro una giornata meravigliosa e ti do anche un piccolissimo “compito per casa”: parla da sol*.

Splendi